La leucemia mieloide cronica rappresenta ad oggi un modello terapeutico unico ed esclusivo:

è stata la prima neoplasia ad essere associata ad una specifica alterazione genetica e questo, a sua volta, ha condotto allo sviluppo sia della “target therapy” che delle metodiche molecolari per monitorarne l’andamento.

La patogenesi di questa malattia e l’utilizzo degli inibitori delle Tirosin Chinasi negli ultimi 15 anni ha drammaticamente cambiato la storia naturale di questa malattia riuscendo a trattare la quasi totalità dei pazienti.

La lunga sopravvivenza di questi soggetti ha anche fatto nascere l’esigenza di una collaborazione con specialisti non ematologi per una maggiore conoscenza degli effetti a lungo termine dei farmaci.

Da questo nasce l’approccio olistico per i pazienti affetti da leucemia mieloide cronica, con l’obiettivo di curare la malattia garantendo una buona qualità di vita.

 

Rivolto a:

Medici specialisti e specializzandi in ematologia, ma anche in cardiologia e medicina interna; biologi.

 

Programma e modalità di iscrizione:

 

ECM 

Sulla base del regolamento applicativo approvato dalla CNFC, Accademia Nazionale di Medicina (provider n. 31), assegna alla presente attività ECM (31-195826): 11 crediti formativi.

 

Sede del corso 

Hotel Ambasciatori
Via Luigi Alamanni, 3 – Firenze

 

A proposito dell'autore